Menu

Osservatorio Astrofisico di Arcetri

Martedì 11 febbraio 2020

Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza

La Donna è Scienza

Martedì 11 febbraio 2020 si celebra la Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza. In campo astronomico, sono molte le iniziative internazionali e nazionali organizzate a seguito della campagna di sensibilizzazione promossa dall’ONU per incentivare un accesso paritario delle donne alla scienza, e poter raggiungere una piena parità di opportunità nella carriera scientifica.

L’INAF Osservatorio Astrofisico di Arcetri, in quest’occasione, promuove e organizza l’evento culturale “La Donna è Scienza” dedicato alle astronome di tutti i tempi, in collaborazione con Design of the Universe e il Conservatorio Luigi Cherubini.

Al centro dell’incontro sarà la donazione dell’opera “La Donna è Scienza” all’INAF Osservatorio Astrofisico di Arcetri da parte dell’artista napoletana Gloria Pastore.

L’opera consiste in un arazzo in seta antica, assemblage con oggetti vari, fotografie storiche e interventi pittorici che rintraccia i destini delle astronome che desideravano conoscere la verità sulle stelle. L’obiettivo del progetto è il recupero della memoria di scienziate la cui opera intellettuale non è riconosciuta pienamente pur avendo favorito  l'evoluzione della scienza e del pensiero umano.

LOCANDINA La donna è scienza Arcetri 11 02 2020 4

Programma

Sofia Randich, direttore INAF Osservatorio Astrofisico di Arcetri

Benvenuto e saluti istituzionali

Leslie Hunt, INAF Osservatorio Astrofisico di Arcetri

Le donne in astrofisica in Italia e nel mondo

**********

Intermezzo musicale 

Anna Farkas, pianoforte 

Musiche di

Alban Berg, Sonata per pianoforte, Op. 1

Alexander Scriabin, Preludi, Op.74

**********

Introduzione all’Opera “La Donna è Scienza”

Elisabeth Vermeer, fondatrice di Design of the Universe e curatrice della donazione dell’opera d’arte all’INAF Osservatorio Astrofisico di Arcetri

Gloria Pastore, artista

A seguire, brindisi e visita guidata all’Opera “La Donna è Scienza”

 

Martedì 11 febbraio 2020, ore 20:30

INAF Osservatorio Astrofisico di Arcetri - Biblioteca

Accesso da via del Pian dei Giullari,16, Firenze

POSTI LIMITATI: Ingresso libero con prenotazione obbligatoria: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Leslie Hunt: Leslie Hunt è dirigente di ricerca all'INAF Osservatorio Astrofisico di Arcetri a Firenze. Dopo la Bachelors' degree in fisica all'Università di California a Berkeley (USA), la laurea in fisica all'Università di Firenze, e il dottorato di ricerca in astronomia all'Università di Groningen (NL) ha lavorato ad Arcetri e per un breve periodo all’Agenzia Spaziale Europea al Telescopio Spaziale di Hubble in Germania. Si occupa principalmente dello studio del mezzo interstellare di galassie, e in particolare di evoluzione di galassie in condizioni estreme.

Gloria Pastore: Diplomata all’Istituto d’Arte di Napoli e all’Accademia di Belle Arti di Napoli, ha completato la sua formazione specializzandosi in Disegno e Storia Dell’Arte e Discipline Pittoriche. Linguaggi diversificati dall’uso di elementi della tecnologia alla manualità, sono i medium che normalmente utilizza per le sue opere ed installazione. Ai suoi esordi partecipa a Kassel nel 1982 alla Documenta Urbana con il Prof. Lucius Burckhardt, evidenziando con un’installazione nella città, la relazione tra elementi poetici del quotidiano e la trasformazione del paesaggio urbano. Il suo lavoro è sempre improntato sull’invito a guardare “oltre”, uno sguardo interiore attento alla realtà alla natura e al suo rapporto con la scienza. Nelle sue opere risiedono continui mutamenti spazio/temporali e interazioni tra le diversità culturali, con particolare attenzione alle identità territoriali, alle sue contaminazioni e mimetismi. Approfondisce da un lato aspetti dell’appartenenza alla propria identità e dall’altro il continuo sconfinamento sia linguistico che culturale in altre culture e civiltà. Numerose sono le sue presenze fuori Italia: “Made in Naples” a Londra 2004 con lo scrittore Mario Fortunato; Stati Uniti: Los Angeles nel 2010; Svizzera: Berna, Germania: Kassel, Spagna, Polonia, e altri paesi. In Italia partecipa a esposizioni collettive e personali in spazi pubblici e privati e Musei. Le sue ultime presenze sono state al Museo Archeologico Nazionale di Napoli con la personale: “Il pescatore di perle” nel 2010 e nel 2003 con “corpus-mens” ; La 54° Biennale di Venezia; “Il Paradigma della Luce”, Museo Sant’Agostino, Festival della Scienza 2015, Genova. Ha realizzato su commissione pubblica opere permanenti tra cui: Metropolitana di Napoli, Staz. S. Rosa Arch.Mendini; Museo del Mare e dei Miti, Capo Colonna, Crotone, con l’opera “Marte”; collezione Museo Città di Berna. Alcune sue opere sono in collezioni private ed altre eseguite per spazi pubblici e Musei, come Hotel del Moro, Firenze ed altri. L’opera “Italy-Italy” è presente nella collezione permanente del Museo del Novecento di Castel Sant’Elmo a Napoli. Ha al suo attivo varie pubblicazioni personali: “Guardo” Ed. Cangemi, “tutto è......” Ed. Pironti, “il pescatore di perle” Ed. DMG Italia.

www.gloriapastore.it

Elisabeth Vermeer, fondatrice di Design of the Universe, è curatrice della donazione dell’opera d’arte all’INAF Osservatorio Astrofisico di Arcetri e promotrice dell’iniziativa Donne Inquiete, a cui ha partecipato la stessa Gloria Pastore.

Design of the Universe, è impegnato da molti anni nel disegnare un tracciato di sostegno espresso in primis a tutte le donne creative, a tutte le scienziate del passato e del presente, e alle artiste di tutti i settori che contribuiscono all’evoluzione della scienza, della cultura, delle arti, pur accettando spesso delle  condizioni di disuguaglianza con i loro colleghi. 

www.design-of-the-universe.com

 

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo